Lunedì • Martedì • Mercoledì
TUTTI I FILM A PREZZO RIDOTTO

clicca qui per scoprire tutte le promozioni e le condizioni di applicabilità

La Programmazione

 

ACQUISTA SUBITO IL TUO BIGLIETTO
  • da Giovedì 18 Agosto

    Genere: Animazione
    Durata:
    87 minuti
    Regia: Kyle Balda, Brad Ableson


Trama

Siamo nel pieno degli anni 70 e il non-ancora-famigerato Felonius Gru, al momento dodicenne di belle speranze, vive e cresce nella sua casetta di periferia. Ammiratore entusiasta di un supergruppo di supercattivi chiamato “I malefici sei”, Gru decide che il suo obiettivo di vita è diventare abbastanza cattivo per poter essere anche lui parte del gruppo e si mette immediatamente a studiare un piano diabolico che gli consenta di realizzare il suo sogno. L’occasione sembra presentarsi quando il supergruppo caccia il proprio leader, rendendo vacante il suo posto: Gru si presenta alla porta dei Malefici sei e si propone, venendo però respinto. Innervosito e deluso, il nostro (anti)eroe decide di ribellarsi alla decisione rubando ai suoi ormai ex miti, che a questo punto lo prendono definitivamente di mira e decidono di inseguirlo per dargli una lezione che gli basti una volta per tutte. In fuga, Gru viene aiutato del tutto inaspettatamente proprio dall’ex capo dei Malefici sei, che decide di prenderlo con sé e fargli da mentore: il giovane aspirante supercattivo scopre così che persino le persone malvage, di tanto in tanto, hanno bisogno di un amico.


  • da Giovedì 18 Agosto

    Genere: Horror
    Durata:
    130 minuti
    Regia: Jordan Peele
    Cast: Steven Yeun, Daniel Kaluuya, Keke Palmer, Michael Wincott, Donna Mills


Trama

Protagonisti della storia sono tre persone, interpretate da Daniel Kaluuya, Keke Palmer e Steven Yeun, che vivono in una gola della California e si ritrovano a essere testimoni di una scoperta tanto incomprensibile quanto inquietante.


  • da Giovedì 18 Agosto

    Genere: Animazione
    Durata:
    119 minuti
    Regia: Hayao Miyazaki


Trama

Il genio ha colpito ancora. Dopo più di vent’anni di carriera c’è veramente da togliersi il cappello davanti ad uomo, prima ancora che regista, capace come nessuno mai prima nel campo del cinema d’animazione (e non solo) di riuscire a centrare sempre e comunque l’obbiettivo che ogni cineasta dovrebbe avere come scopo unico: emozionare. E di emozioni, l’ultima opera di Hayao Miyazaki, ne offre veramente a bizzeffe. Howl’s Moving Castle, è un ulteriore tassello, nel mosaico che il regista giapponese sta componendo col passare degli anni che mescola l’attenzione alle tematiche ambientali, all’utilizzo malsano della tecnologia, che propone esseri umani calati in universi fantastici ed immaginari, dove creature soprannaturali insegnano all’uomo come vivere e quali valori seguire e difendere.
Tra realtà dell’immagine e metafore, il film si dipana lentamente, offrendo la abituale ma sempre fenomenale panoramica sui paesaggi e personaggi da sogno (il film realizzato in maniera tradizionale è visivamente impressionante), nei quali la fantasia di Miyazaki e di Joe Hisashi, autore della colonna sonora, si sbizzarriscono raggiungendo vette se possibile ancora più elevate che nel premiato Spirited Away (La città incantata). Attuale e concettualmente scevro da contaminazioni ideologiche di qualsivoglia natura, Howl,riesce ad essere pellicola antimilitarista, raffinato melò sentimentale, grande spettacolo di intrattenimento per tutti ed, in ultimo, saggio ammonimento sull’importanza delle relazioni interpersonali tra gli esseri umani. Venezia s’inchina. E noi altrettanto.


  • da Giovedì 18 Agosto

    Genere: Animazione
    Durata:
    94 minuti
    Regia: Hayao Miyazaki


Trama

Italia, periodo tra le due guerre mondiali. Un misterioso pilota di aerei dalle sembianze di maiale, detto Porco Rosso, è il terrore dei pirati del Mare Adriatico, almeno finché questi non si affidano all’americano Curtis, avventuriero spavaldo che sfida Porco Rosso a duello.

Sotto le vesti del divertissement, infatti, ecco spuntare il lato più politico e libertario del regista nipponico, incarnato nell’anarchico escapismo di Porco Rosso, eroe senza tetto né legge, solitario come un ronin errante, che rifiuta ogni forma di omologazione. Su tutte quella fascista del regime che avanza, infestando la (sua) bella Italia (“meglio porco che fascista” è una delle frasi-cardine del film) e fagocitandone le diversità.

La scelta di ambientare la vicenda tra le schermaglie aeree di piloti e pirati – entrambe creature estraniate dalla società e che rispondono a un codice d’onore a parte – la dice lunga su come Miyazaki scelga il ruolo di osservatore distaccato ma non imbelle di fronte a una realtà che non gli appartiene. “Sono sempre i buoni a morire”, va ripetendo l’eroe dai tratti suini, ribadendo il sostanziale pessimismo nei confronti di una società che sceglie di prostituire la sua bellezza e di asservirsi al potere. L’Italia ideale su cui Porco Rosso ama svolazzare, quella assolata dell’hotel Adriano, delle dame eleganti e delle folle festanti, dopotutto è anche il paese capace di dar vita al mostro del totalitarismo, diffondendo il germe che inquinerà irreparabilmente il XX secolo.

Che si tratti di Italia degli anni ’20 o di un Giappone contaminato dal fantasy, Miyazaki riesce al solito a veicolare il suo messaggio senza appesantire la narrazione: ritorna il consueto topos della ragazza che sceglie il lavoro, senza sottrarsi alla fatica, per emanciparsi socialmente e contribuire con qualcosa di concreto alla causa in cui crede. Pur scegliendo un approccio visivamente quasi dimesso, senza ricorrere alle immagini flamboyant di una Nausicaa della valle del vento o de La città incantata, quella che Miyazaki ci regala è una pagina tutt’altro che minore del grande libro delle sue visioni, in grado di stupire al pari di quanto sanno insegnare.


  • in Anteprima Nazionale
    22-23-24 Agosto

    Genere: Commedia
    Durata:
    90 minuti
    Regia: Claudio Casisa, Annandrea Vitrano
    Cast: I Soldi Spicci


Trama

Roccapinola è un tipico paesino siciliano sul mare, bello da tanti punti di vista, ma sicuramente non è il posto ‘dove succedono le cose’, e soprattutto non è il posto dove si può diventare famosi con il linguaggio del nuovo millennio, quello dei social. Il luogo sacro per i sognatori del web è Milano. Ed è lì che sogna di trasferirsi Claudio Casisa, ma non potendolo fare per mille motivi e scuse, il nostro protagonista ha cercato di ricreare una piccola Milano in Sicilia dando vita alla CASISOCIAL, un’agenzia di web marketing che ha scopo di creare la nuova star influencer prendendo spunto dal mito Nadia Zingales, bellissima, e punto di riferimento per tutte le influencer italiane. Nello stesso paesino vive Anna, insieme al padre che l’ha cresciuta da solo dopo la morte della madre. Un po’ per passione e un po’ per imprinting paterno Anna fa la meccanica nell’officina del padre Antonio. Claudio e Anna si incontrano proprio nell’officina dove Claudio si reca con la sua squadra di influencerine per fare dei post pubblicitari. I due non si stanno proprio simpatici, ma arriva un’opportunità inaspettata per Anna proprio in quel mondo social che lei rifugge. Anna, all’inizio restìa, accetta per dimostrare a suo padre di esserne capace, ma anche perché i soldi guadagnati le permetterebbero di realizzare un sogno legato alla mamma. Claudio inizia un vero e proprio corso di addestramento ad Anna per renderla più social e femminile, ma Anna esausta e senza un risultato incoraggiante, una sera, decide di fare un video in cui si mostra così com’è, vera e sincera: senza filtri. Il post arriva immediatamente ad avere un successo senza precedenti rendendo Anna una star e Claudio un manager di successo. Da questo momento i due protagonisti saranno coinvolti in diverse peripezie che li faranno avvicinare in un primo momento e separare poi a causa di personaggi viscidi e approfittatori, e un finale denso di colpi di scena.


  • da Giovedì 25 Agosto

    Genere: Azione
    Durata:
     126 minuti
    Regia: David Leitch
    Cast: Brad Pitt, Joey King, Zazie Beetz, Michael Shannon (II), Aaron Taylor-Johnson


Trama

Un film corale con un gruppo di assassini diversi tra loro, tutti con obiettivi collegati ma contrastanti, sullo sfondo di una corsa senza sosta attraverso il Giappone moderno.